Pastry and more / Paste e pasticci

Arancino (rice ball)

The Arancino is a specialty of Sicilian cuisine.

The origin of this rice ball is not dated with certainty, nor can you identify the chef who invented it. It is, in fact, a popular food, which has undergone many changes over the centuries.
The consumption of spicy and flavored with saffron rice you must belong to the Arabs was the Emir Ibn at Timnath to invent the timbale of rice, from here up to the seasoned rice portions was brief, then he came the pieces stuffed meat. Only in the post was added the tomato arrived in America, the breading on the other hand seems to date back to Frederick II period, the sauce has French roots.
Some people said that the Arancino seems to have been imported by the Arabs who used to eat rice and saffron flavored with herbs and meat, with meals.

Today I present my dad’s recipe so these origins are certain 😉




Ingredients:

  • 8.8 oz of rice
  • 0.5 oz saffron
  • 3.5 of ground beef
  • 2.8 oz of peas
  • 2 carrots
  • 6.7 fluid oz tomato sauce
  • half glass of wine
  • 2.1 oz of caciocavallo cheese
  • 1 oz of mortadella
  • bread crumbs 
  •  canola oil




Batter:

  • 7 oz of flour
  • 10 fluis oz of water
  • 1 pinch of salt




Directions:

  1. Boil water in a pot and when it starts to boil put salt and boil the rice.
  2. When the rice is cooked add the saffron in a little water remained.
  3. Let cool Compleat rice.
  4. Meanwhile dice the cheese and mortadella.
  5. In a saucepan put 3 tablespoons of olive oil and chop the carrots and onion.
  6. Add the peas and then the minced meat.
  7. Add half a glass of wine and let it evaporate.
  8. Add the tomato sauce and the salt, let cook the everything to slow flame for about 1 hour.
  9. The sauce should be well congealed and not liquid.
  10. Let cool thoroughly and add the cubes of mortadella and cheese.
  11. In the palm of the hand put one of chiacciate rice layer in the middle of the hand forming a hollow inside and put a teaspoon of filling in the sauce.
  12. Then close the kumquat with other rice and shape it by giving it a form to tip.
  13. Prepare the batter: In a bowl put the flour, a pinch of salt, water and turn around so that you get a smooth mixture liquid.
  14. Dip the croquettes in batter and then roll them in the breadcrumbs.
  15. In a small pan put oil and bring it up to temperature of 356 ° F.
  16. Fry the Arancini 2 at a time.
  17. When they are golden brown remove them from the oil and place them on a tray with absorbent paper.

 

Now your Arancini are ready and you can taste them!

 

∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼

 

L’arancino è una specialità della cucina siciliana.

L’origine di questa pallina di riso non è databile con certezza né si può identificare il cuoco che l’ha inventata. Si tratta, infatti, di un cibo popolare, che ha subito nel corso dei secoli tanti cambiamenti.
Il consumo del riso speziato ed aromatizzato con lo zafferano lo si deve agli arabi, fu l’emiro Ibn at Timnah ad inventare il timballo di riso, da qui il passo verso le monoporzioni di riso condito fu breve, poi giunse il ripieno di pezzetti di carne. Solo nell’epoca successiva si aggiunse il pomodoro arrivato d’America, la panatura invece pare risalga al periodo di Federico II, il ragù  ha radici francesi.
C’è chi racconta che l’arancino sembra essere stato importato dagli arabi che erano soliti mangiare riso e zafferano condito con erbe e carne, durante i pasti.

Oggi vi presento la ricetta di mio papà quindi queste origini sono certe  😉




Ingredienti:

  • 250g di riso
  • 15g di zafferano
  • 100g macinato di manzo
  • 80g piselli
  • 2 carote
  • ½ cipolla 
  • 200ml salsa di pomodoro
  • mezzo bicchiere di vino
  • 60g caciocavallo
  • 30g mortadella
  • pangrattato q.b.
  • olio di semi q.b.




Pastella:

  • 200g di farina
  • 300ml di acqua
  • 1 pizzico di sale




Procedimento:

  1. Mettere a bollire dell’acqua in una pentola e quando raggiunge il bollore mettere il sale e lessare il riso.
  2. Quando il riso è cotto aggiungere lo zafferano nella pochissima acqua rimasta.
  3. Far raffreddare compleatamente il riso.
  4. Nel frattempo tagliare a cubetti il caciocavallo e la mortadella.
  5. In una pentola mettere 3 cucchiai d’olio e sminuzzare le carote e la cipolla.
  6. Aggiungere i piselli e successivamente il macinato di carne.
  7. Aggiungere mezzo bicchiere di vino e lasciarlo evaporare.
  8. Aggiungere la salsa di pomodoro e del sale, lasciare cucinare il tutto a fiamma lenta per circa 1 ora.
  9. Il ragù deve risultare ben rappreso e non liquido.
  10. Fate raffreddare il tutto e aggiungete i cubetti di mortadella e di caciocavallo.
  11. Nel palmo della mano mettere uno strato di riso chiacciate al centro del mano formando una conca e mettete all’interno un cucchiaino di ripieno al ragù.
  12. Quindi chiudete l’arancino con dell’altro riso e modellarlo dandogli una forma a punta.
  13. Preparare la pastella: in una ciotola mettere della farina, un pizzico di sale, dell’acqua e girare il tutto in modo tale che si ottiene un composto omogeneo liquido.
  14. Immergere gli arancini nella pastella e successivamente rotolarli nel pangrattato.
  15. In un pentolino mettere dell’olio e portarlo fino alla temperatura di 180° C.
  16. Friggere gli arancini 2 alla volta.
  17. Quando sono ben dorati levarli dall’olio e porli su un vassoio con la carta assorbente.

Ora i vostri arancini sono pronti e potete guestarli!

 

 

 

 

 

 

Advertisements

6 thoughts on “Arancino (rice ball)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s